L’Imoco Volley chiude il 2016 in trionfo

L’Imoco Volley chiude il 2016 in trionfo

- in Le ultime
245
0
campionesse_conegliano

E alla fine tutti vissero felici e contenti. Sono bastati 4 anni al progetto-Imoco per diventare vincente. La società di volley femminile nata nel 2012 dalle ceneri della Spes Conegliano ha infatti chiuso l’anno appena terminato guadagnando i suoi primi, strameritati trofei: campionato nazionale 2015/16 di Serie A1 e Supercoppa Italiana 2016. Una vera e propria annata trionfale per il giovane club presieduto da Piero Garbellotto e Pietro Maschio.

Sotto la guida del tecnico Paolo Mazzanti, le Pantere Gialloblu hanno saputo capitalizzare una crescita sportiva tanto rapida (Conegliano aveva già raggiunto a sorpresa la finale scudetto nel 2012/13, persa poi contro Piacenza), quanto esponenziale. Oggi ci sembra normalissimo vedere Conegliano veleggiare tranquilla al secondo posto della classifica di A1 (dietro gli ex-campioni Pomi Casalmaggiore, avanti di 2 punti), esattamente a metà della regular season 2016/17. Ma dietro quello scudetto che le eroine gialloblu esibiscono fieramente sul petto, dietro quella fresca vittoria in Supercoppa Italiana, stanno tanti capolavori, tutti collegati fra loro: il grande disegno societario, ossia uno staff a orologeria perfettamente costruito in pochi anni da Garbellotto e Maschio, e i piccoli, molteplici capolavori sportivi, cioè le vittorie inanellate dalle Pantere grazie alla sagacia tattica di Mazzanti e alla qualità tecnica del roster coneglianese, dal neo-capitano Serena Ortolani alla fuoriclasse olandese Robin De Kruijf.

Conquistare il primo tricolore della storia di Conegliano, la scorsa primavera contro Piacenza ha avuto una duplice valenza: da un lato ha coronato con il giusto premio gli investimenti effettuati e i risultati raggiunti negli anni precedenti; dall’altro ha vendicato la sconfitta subita dalla Nordmeccanica nella finale di 3 anni prima. La bella vittoria in Supercoppa Gear S3, conquistata in dicembre contro la Foppapedretti Bergamo, ha poi sigillato definitivamente un 2016 da incorniciare, regalandoci soprattutto l’impressione che portare a casa anche questo trofeo fosse la cosa più naturale del mondo: una sensazione dolce e soprattutto familiare per le tifoserie di un bacino sportivo, quello trevigiano, che non aveva certo dimenticato cosa si provi ad avere in casa la squadra di volley più forte d’Italia.

Facebook Comments

You may also like

Marmolada. Bottacin “Ci serve autonomia vera”

“Credo che oggi sia una giornata epocale. Siamo