La Polizia di Frontiera in Azione all'Aeroporto Marco Polo
La Polizia di Frontiera in Azione all'Aeroporto Marco Polo

In costanza della decorrenza del nuovo D.P.C.M. in materia di spostamenti, nazionali ed
esteri, la Polizia di Frontiera dell’Aeroporto Marco Polo ha intensificato i controlli sui
passeggeri in arrivo e in partenza da questo scalo aereo, con implementazione dei servizi in
relazione delle partenze e arrivi che in queste giornate pre-lockdown sono sensibilmente
aumentati.
Nella giornata del 21 dicembre 2020, a seguito di una mirata attività di profiling-investigativa, personale dipendente ha rintracciato due cittadine albanesi K.S. e F.S. in procinto di imbarcarsi sul volo diretto a Londra.
Le due cittadine straniere, all’atto del controllo documentale hanno esibito al personale
addetto ai controlli due carte d’identità rumene contraffatte, riconosciute come non genuine
ad un’attenta analisi eseguita anche con l’utilizzo di appropriate apparecchiature di falso
documentale.
Nel vano tentativo di convincere gli operatori di polizia della validità dei documenti di identità in loro possesso, le due donne hanno esibito anche due patenti di guida rumene ma i poliziotti non convinti dell’autenticità dei documenti, hanno perquisito le donne ed i loro bagagli, trovando dei documenti albanesi autentici, con i quali le stesse sono state identificate.
Gli ulteriori riscontri hanno confermato la falsità anche delle patenti di guida rumene.
Le cittadine albanesi sono state pertanto tratte in arresto ai sensi dell’art 497 bis c.p. in quanto in possesso di documenti di identificazione falsi validi per l’espatrio e indagate per il
combinato disposto degli art. 477 e 482 c.p., falsità materiale commessa dal privato in
certificati o autorizzazioni amministrative.
Si rammenta a tal proposito che su disposizione del Ministero della Sanità a far data dal 20
dicembre u.s. i voli provenienti dal Regno Unito e Irlanda sono bloccati, al contrario è ancora possibile viaggiare dall’Italia verso questi Paesi.