Al San Valentino un reparto riabilitazione post Covid

Al San Valentino un reparto riabilitazione post Covid

- in Attualità, Le ultime, Salute, Treviso
167
0
Da sx il primario di Riabilitazione Gugelmetto e Agostini di Anestesia e Rianimazione

“Il rischio è che il paziente che esce dalla terapia intensiva e che deve rispettare un periodo di quarantena non riesca velocemente a recuperare le proprie funzionalità motorie. Per questo l’idea di creare una vero reparto di riabilitazione Covid è subito stata resa operativa grazie ai nostri primari Agostini e Gugelmetto”.

Così Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana saluta il nuovo reparto creato al San Valentino di Montebelluna, al terzo piano, corpoB, nell’area ex day surgery, nato grazie alla stretta collaborazione tra il primario di Anestesia Rianimazione, Moreno Agostini e il primario di Recupero e riabilitazione funzionale Marco Gugelmetto (entrambi nella foto).

Qui è stata creata anche una palestra ad hoc per i pazienti Covid garantendo dei percorsi dedicati che evitano al 100 per cento ogni contatto tra pazienti Covid e non Covid. “Direi che la collaborazione tra anestesisti, fisiatri e fisioterapisti è stata subito stretta e motivata da grande umanità e senso del dovere – sottolineano in coro i primari Gugelmetto e Agostini – I pazienti che escono dal nostro reparto e dalla terapia intensiva è comprensibile che siano provati a livello muscolare con un declino della forza e della massa muscolare. Per questo abbiamo deciso di seguirli in un percorso riabilitativo specifico tenendoli continuamente monitorati”.

Facebook Comments

Leggi anche

Mattia Panazzolo nuovo direttore di CNA territoriale Treviso

Mattia Panazzolo, 38 anni, è il nuovo direttore