BANCHE POPOLARI VENETE. A RISCHIO 5.000 DIPENDENTI

BANCHE POPOLARI VENETE. A RISCHIO 5.000 DIPENDENTI

- in Economia, Le ultime
297
0
bank-icon(1)

Per la Cgil di Treviso è allarme rosso sulle Banche Popolari Venete, Veneto banca e Popolari di Vicenza. Mercoledì 21 giugno ci sarà una scadenza importante per Veneto Banca, quella di un prestito obbligazionario subordinato di 150 milioni di euro. E allora si potrà avere un primo assaggio dello scenario futuro per il gruppo bancario di Montebelluna che con Popolare di Vicenza rappresenta l’ottavo gruppo bancario per totale attivo e totale impieghi finanziando oltre 130.000 piccole imprese italiane di cui il 37% proprio nel triveneto.
"Che la politica italiana vada a Bruxelles a battere i piedi; bisogna trovare la soluzione politica non di carattere finanziario - sostiene Giacomo Vendrame, segretario CGIL Treviso - è ora di dare un segnale forte perche il tempo sta scadendo per davvero. Rischiamo di trovarci con le macerie e governare sulle macerie non va bene a nessuno"
Dalle previsioni i tagli ci saranno ma ciò che spaventa è la dimensione che potrebbero raggiungere: è come se una delle due banche venisse cancellata.

Si parla dunque di quasi 5000 esuberi e di un impatto devastante anche per il sistema produttivo italiano, dal momento che il PIL italiano è ancorato al sistema bancario italiano e le due venete sono quasi un 10%. Se il sistema politico italiano e europeo non trovasse una soluzione il tracollo porterebbe ad una perdita di 80 miliardi secondo il dato fornito dal sottosegretario Baretta.

Facebook Comments

You may also like

Cosmobike Show, al via la fase 2. Un evento mirato al consumer e passion driven

  Non solo business ma anche di forte