Elia Viviani vince a Nervesa. “Emozione correre e vincere sulle strade che da dilettante mi hanno visto protagonista”

Elia Viviani vince a Nervesa. “Emozione correre e vincere sulle strade che da dilettante mi hanno visto protagonista”

- in Cronaca, Le ultime
320
0
Featured Video Play Icon

"Che emozione correre e vincere soprattutto sulle strade dove mi allenavo, dove correvo, dove abitavo e dove anche vincevo”. Risponde con una volata senza repliche ai detrattori e a chi lo aveva visto arrancare e far fatica sul Gran Sasso. E pure sulle salite successive e a chi lo vedeva soffrire anche nelle tappe successive o farsi sorprendere da Sam Bennet. Ma le strade della Marca Trevigiana gli hanno portato fortuna. La tappa l’ha voluta fortemente Elia Viviani. L’ha conquistata e si è pure tenuto sulle spalle la maglia ciclamino. “In qualche modo scalerò lo Zoncolan, non so come, ma ala fine a Roma ci arriverò con questa maglia”. Elia Viviani l’uomo del deserto ora è anche l’uomo del Montello. “E non solo - racconta -. La mia vittoria è stata impostata come una Popolarissima. La corsa che da dilettante o amato di più quando correvo con la marchio e con Sagan. Che emozione davvero, credetemi.  Per me la Marca Trevigiana è la mia seconda casa e vincere quei nel trevigiano è stato come fare una doppia vittoria. Si decisamente ad un certo punto transitando sul Montello, passando per Nervesa , Arcade mi sembrava davvero di correre la Popolarissima, Amo il mio lavoro e ho amato tanto anche il periodo di quando correvo tra i dilettanti”. E’ stata dura oggi Elia? : “Insomma, dai siamo in recupero. A chi mi aveva visto in. Forte crisi ho risposto così. Una volata ben fatta e voluta con tutta la mia forza, la mia volontà. Certo, come si fa a non dire che il Giro d’Italia non sia duro. Ma ho fatto una promessa a tutta la gente che oggi è venuta a vedermi sulle strade trevigiane. La mia famiglia, il mil fan club. Arriverò a Roma. Mi sono posto l’obiettivo delle 10 vittorie e siamo a nove. Tre vittorie di tappa al Giorno d’italia intanto e non sono poche. Diciamo che questa è una grande annata. Di meglio non potevo chiedere e ottenere. E la stagione è ancora lunga e così la voglia di prendermi un pò di soddisfazioni”.

Ecco la nostra intervista che potete ascoltare al nostro link

Facebook Comments

Leggi anche

Tour virtuali nei musei trevigiani per mantenere attiva la memoria

I MUSEI CIVICI DI TREVISO ENTRANO NELLE CASE