Maggioranza risicata, bilancio in bilico

Maggioranza risicata, bilancio in bilico

- in Cronaca, Le ultime
250
0
Cattura1

Ieri pomeriggio a mettere in fila i consiglieri che saranno presenti al Consiglio comunale di Venezia saltava fuori il numero 18. Vale a dire il numero minimo di consiglieri necessari alla maggioranza di centrodestra per garantire - qualora l’opposizione decidesse di fare lo sgambetto, e di non presentarsi in aula - il numero legale per lo svolgimento del parlamentino locale, convocato per la mattinata di venerdì, 29 luglio.

Ordine del giorno

E poiché all’ordine del giorno non ci sono un marciapiede sbeccato e un lampione inclinato - che pur meriterebbero rispetto - ma c’è la tormentata manovra di bilancio, è scattato l’allarme tra i consiglieri di maggioranza, e in particolare tra quelli della lista Brugnaro, che vanta il maggior numero di consiglieri che, venerdì prossimo, risultano assenti perché sotto l’ombrellone o a passeggiare in montagna. Con una serie di e-mail e telefonate per cercare di portarli in aula, fosse anche con il costume sotto i pantaloni. Per capire come stanno le cose bisogna fare due conti: la maggioranza è composta da 25 consiglieri comunali, di cui 7 venerdì risultano in ferie. Stando alle informazioni che giravano ieri nei messaggi tra i telefoni dei consiglieri sei sono della lista Brugnaro (Senno, Pellegrini, Pea, Casarin, Locatelli e Serena) ma solo tre, con largo anticipo, avevano fatto sapere che non ci sarebbero stati. Un consigliere (Lavini) è invece di Forza Italia, e pure lei aveva avvisato già da tempo che a fine luglio non ci sarebbe stata. Previsti presenti invece i cinque consiglieri delle altre 4 liste di governo, Lega, lista Boraso, lista Zaccariotto e Area Popolare.

Numeri

Numeri risicati, troppo. Perché se la maggioranza - per un consigliere malato o imbottigliato nel traffico - dovesse scendere a 17, l’opposizione potrebbe decidere di rimanere in aula e mantenere il numero legale, ma anche abbandonare l’aula facendo saltare l’approvazione dell’assestamento di bilancio - obbligatoria entro fine luglio - mettendo il Comune all’angolo e obbligando la prefettura a intervenire concedendo una deroga tassativa di alcuni giorni. «Diciotto è il numero minimo e per ora ci siamo: ma se qualcuno si ammala o ha un imprevisto?», è la sintesi della riflessione che facevano ieri alcuni esponenti della maggioranza, «il bilancio è l’atto politico più importante di una maggioranza di governo e la posta in gioco è troppo alta. Non possiamo permetterci una figuraccia o, nel peggiore dei casi, se l’opposizione decidesse di lasciare l’aula, di mandare tutto all’aria e andare tutti a casa». Ecco perché nei giorni scorsi sono partite una serie di e-mail e telefonate, rivolte ai consiglieri con la valigia pronta, con l’obiettivo di ricompattare la squadra, arrivare a 19-20 consiglieri, e puntellare con maggiore forza politica la delibera. I fucsia tranquillizzano: qualcuno dovrebbe tornare dalle ferie o rinviare la partenza, in ogni caso il numero minimo dei 18 consiglieri sarà assicurato. Sperando che nessuno prenda il raffreddore.

Gian Nicola Pittalis

Cattura

Facebook Comments

You may also like

OFFI-CINE Veneto sulle ali del Leone

Alla 73° MOSTRA DEL CINEMA OFFI-CINE veneto ha