In tre corti, il cinema della realtà trevigiana

In tre corti, il cinema della realtà trevigiana

- in Cinema plus, Eventi, Le ultime, Speciali
1544
5
una-storia-di-vetro_xweb

Stefano Pesce - FotoDentro le persone Fuori sul territorio è il film documentario, creato dagli studenti dell’Istituto Palladio e Officine Veneto e con il patrocinio di Confindustria Veneto e Unindustria Treviso in sala dal 18 Maggio al Cinema Corso di Treviso. Cinquantaquattro minuti di godibile visione cinematografica in tre cortometraggi intitolati “Una storia di vetro”, “El fosso che cria” e “Sulle ruote”.
Ne parliamo con Stefano Pesce (con cui abbiamo già approfondito alcuni aspetti del documentario nell’articolo) direttore artistico del progetto cinematografico.

Quali sono i TEMI espressi nel film Dentro le persone Fuori sul territorio?

Uno dei temi è l’ambiente, sostegno e humus, senza il fiume non ci sarebbe la vita. Questo fiume è stato prima una via di trasporto commerciale, poi ha vissuto una grande crisi negli anni ’70, venendo abbandonato. In tempi recenti, è iniziato un lento recupero, sia in senso naturalistico sia turistico, ripopolandosi di turisti da tutta Europa, anche per lo sbocco navigabile fino alla laguna veneziana. Nel cortometraggio El fosso che cria (il fosso che parla), si narrano le storie di tre protagonisti: un poeta, un maestro d’ascia e un barcaiolo che ricordano il fiume nel passato e nel presente, con l’ausilio anche di filmati storici.
In Una storia di vetro, invece, si racconta del trasferimento a Treviso di una famiglia veneziana dedita all’arte vetraria e del futuro incerto perché non ci sono eredi. Il titolo del film indica, infatti, una fragilità per l’avvenire perché ogni attività artistica è difficile che sopravviva sola nel mercato, ha bisogno di un sostegno, una protezione. Il film parla delle tecnica vetraria, ma il fuoco è piuttosto una denuncia. E’ qui che si identifica la natura differente tra spot e film: non dipende dalla lunghezza o dalla fotografia, ma quello che si vuole raccontare, cioè la verità, positiva o negativa che sia.
Sulle ruote è il terzo corto, la storia di una squadra paraolimpica dei migliori giocatori di rugby, riuscendo a guardare uno sport così amato e radicato in questo territorio, da quella diversa prospettiva e, attraverso l’handicap, comunicare una incredibile vitalità.sulle-ruote_xweb

Nei prossimi giorni continueremo a informarvi in SPECIALE CINEMA su tutti gli aspetti di questo virtuoso progetto, ponte tra industria cinematografica, scuola e territorio nella Marca Trevigiana, con interviste agli studenti coinvolti, ai tutor, alle istituzioni e agli sponsor fino alla proiezione al Cinema Corso di Treviso il 18 maggio. (Guarda il videoinvito prodotto dai 6 giovani studenti, protagonisti e registi del Palladio)

 

Alessandra Fraschini

Facebook Comments

Leggi anche

Cittadella: un inizio 2019 da otto in pagella

Il Veneto rappresenta calcisticamente una delle regioni “tradizione”