Pala Expo
Pala Expo
Attraverso un monitoraggio continuo e progressivo, l’Ulss 3 Serenissima è impegnata a verificare lo stato di salute, e in particolare la situazione vaccinale, delle centinaia di profughi ucraini che giungono sul territorio.
“Quasi quattromila sono state le persone sottoposte a tampone – sottolinea il dottor Vittorio Selle, direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica – nei punti dell’Ulss 3 e nelle strutture che ospitano i profughi. Ma poi, a quei cittadini ucraini che non se ne vanno verso altre destinazioni, siamo impegnati a garantire, a tutela loro e del territorio, l’assistenza sanitaria necessaria, a cominciare dall’analisi della situazione vaccinale”.
Profughi ucraini e presa in carico
utenti fin qui regolarizzati          1628
      di cui
già presi in carico dal SISP          759
già in appuntamento                     57
contattati senza successo            151
altra Ulss                                     33
da contattare                             628
L’Ulss 3 Serenissima calcola che al 3 aprile sono 1628 i profughi che, intenzionati a fermarsi nel Veneziano almeno per un certo periodo, hanno richiesto l’assistenza sanitaria attraverso la “tessera STP”, riservata agli Stranieri Temporaneamente Presenti, o attraverso altre forme
Di questi 1628 persone, circa la metà sono già stati presi in carico dal Sisp, che è quindi già a conoscenza della loro situazione vaccinale: “Abbiamo già verificato la situazione di 759 persone – spiega il dottor Selle – e via via stiamo contattando tutte le altre. Il monitoraggio effettuato ci fornisce il quadro sia rispetto alla vaccinazione anti Covid19, sia rispetto alle altre vaccinazioni che sono offerte dal Servizio Sanitario Regionale. Quanto alla prima area, quella dell’adesione al vaccino anti Covid, sono 385 su 759 gli ospiti ucraini già in regola o con il ciclo vaccinale avviato e da completare presso i nostri servizi. Dei restanti 374 soggetti, 81 hanno un’eta inferiore ai 5 anni, che li rende non eleggibili; 293 sono in sostanza le persone che al momento non hanno inteso aderire”.
Vaccinazione antiCovid19
utenti già presi in carico:              759
     di cui
non eleggibili (under 5 anni)           81
con ciclo completato                     267
con ciclo da completare                118
non hanno fin qui aderito              293
“Quanto alle altre vaccinazioni proposte dal Servizio Sanitario Regionale – continua il dottor Selle – registriamo una situazione articolata. Sulle 759 persone già sottoposte a verifica, 332 risultano aver già ricevuto le vaccinazioni poposte: si tratta di 187 minori e di 145 adulti. Altre 31 persone hanno concordato un appuntamento; restano quindi 396 persone, per lo più adulti, che al momento non hanno aderito alla proposta”. I servizi dell’Ulss 3 proseguono con l’opera di sensibilizzazione, che va portata avanti con gradualità, con la consapevolezza che ci si trova di fronte a persone che, per la loro situazione di disagio e di precarietà, presentano verso la vaccinazione una difficoltà ancora superiore rispetto a quella registrata nella popolazione italiana residente.
Altre vaccinazioni 
utenti già presi in carico:                759
     di cui
adulti vaccinati                              145
minori vaccinati                             187
utenti in appuntamento                    31
non hanno fin qui aderito                396
L’Ulss 3 Serenissima ha diffuso e continua a diffondere il materiale di sensibilizzazione realizzato dal Servizio Sanitario Regionale, con informative in lingua ucraina sui temi del contrasto al Covid19, della modalità di accesso agli HUB vaccinali, delle altre vaccinazioni offerte; il materiale diffuso inoltre spiega agli ospiti ucraini quali siano le modalità con cui possono ottenere l’assistenza sanitaria e con cui possono garantire ai loro bambini la frequenza scolastica. Le stesse informazioni sono a disposizione sul Sito web dell’Ulss 3 Serenissima.