De’ Longhi a Recanati soffre, rimonta e vince

De’ Longhi a Recanati soffre, rimonta e vince

- in Le ultime, Sport
233
0
tsi19d-e1421020308917-768x403

Certe vittorie pesano più di altre. La De’ Longhi Treviso Basket, in trasferta contro Recanati, soffre le pene dell’inferno fino all’ultimo quarto, quando riesce a piazzare una difficile rimonta, vincendo una partita che alla prova dei fatti è risultata molto più ostica del previsto.

D’altra parte coach Stefano Pillastrini aveva messo tutti in guardia alla vigilia, arringando i tifosi e soprattutto i suoi giocatori sui rischi connessi a sottovalutare l’avversaria solo perché ultima in classifica: “gli scontri prima contro ultima sono sempre da prendere con le pinze”. E ieri si è visto.

Pronti-via ed è subito Ambalt: il fanalino di coda spinge sull’acceleratore, lotta su ogni pallone, e al primo quarto chiude 21-19 dopo essersi trovata anche a +7, al termine di 5 minuti iniziali shock per Treviso. Fantinelli e compagni reagiscono però furiosamente nel secondo quarto, lanciati proprio da una tripla del capitano, che suona alla carica prima dell’intervallo lungo: a fine primo tempo la De’ Longhi conduce 35-39, grazie al canestro pesante di Marini che arriva a ridosso della sirena.

L’epilogo del match sembra ormai già scritto, ma al rientro dagli spogliatoi succede invece quello che non ti aspetti: Recanati butta sul parquet tutto ciò che ha, e coach Sacco riesce a mettere sotto scacco l’attacco di Treviso, concludendo il terzo quarto con un terrificante parziale di 16-4. Il morale di Treviso è a Terra, mentre Recanati “vede” ormai il colpaccio dietro l’angolo, iniziando l’ultima frazione di gara forte con un goloso vantaggio da gestire, 51-43.

Ma la De’ Longhi è pur sempre la squadra che quest’anno ha saputo vincere in trasferta con Roseto e Trieste, una formazione fiera che non molla mai. Così Fantinelli suona la carica, e mentre Reynolds conquista falli preziosi (e realizzando 3 punti su 4 dalla lunetta nei secondi finali da gara), Perry, Saccaggia, Volpin e Moretti segnano canestri importanti uno dietro l’altro. Morale della favola: quinta vittoria consecutiva, Treviso chiude 64 a 61 un match “testacoda” in cui per lunghi tratti Davide ha spaventato Golia.

Facebook Comments

You may also like

Aspettando MoohRun, torna la corsa di Natale de La Butto in Vacca

Tanto attesa come l’arrivo del Babbo di bianco