Pedemontana, parla il commissario Corsini: “soddisfatti della valutazione ANAC”

Pedemontana, parla il commissario Corsini: “soddisfatti della valutazione ANAC”

- in Le ultime
218
0
1684-2017 - Marco Corsini e Elisabetta Pellegrini

Il Commissario Straordinario Regionale della Superstrada Pedemontana Veneta, Marco Corsini, ha rotto il ghiacco tornando a parlare ufficialmente della SPV.
Nel corso dell'ultima conferenza stampa a Palazzo Balbi a Venezia, il Vice Avvocato Generale dello Stato, insieme al Direttore della Struttura di Progetto della SPV, Elisabetta Pellegrini, ha approfondito i principali aspetti della deliberazione relativa al project financing per la realizzazione della Superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta, che l’ANAC, Autorità Nazionale Anticorruzione, ha depositato il 6 dicembre scorso.

“L’ANAC non si è rapportata con noi come una controparte ma come chi vuole acquisire tutti gli elementi di conoscenza indispensabili per poter esprimere una valutazione realmente oggettiva, approfondendo con grande attenzione i diversi e complicati aspetti del progetto di finanza della Pedemontana." ha spiegato Corsini "Il contenuto della deliberazione dell’Autorità contiene una valutazione nel suo complesso largamente positiva sul Terzo Atto Convenzionale, confermando che si tratta di un provvedimento corretto, legittimo sul piano giuridico, vantaggioso per la Regione, capace di attenuare il vizio d’origine di uno sbilanciamento del pubblico a favore del privato e soprattutto tale da consentire il closing finanziario, cioè ha reso bancabile il progetto. Non viene mai ipotizzato nel testo un danno erariale e, anzi, si riconosce in più parti l’acquisizione di risparmi. L’ANAC individua alcune criticità che siamo chiamati ad affrontare e già stiamo lavorando, confrontandoci apertamente e in modo trasparente con i responsabili dell’Autorità, nella consapevolezza che anche i giudizi negativi espressi potrebbero essere superabili”.

Corsini e Pellegrini hanno ripercorso i vari punti della relazione dell’ANAC, soffermandosi sugli aspetti più rilevanti.

Opportuni correttivi alla convenzione

L’ANAC riconosce che la Regione, allo scadere della gestione commissariale governativa, ha cercato di adottare alcuni correttivi alla convenzione al fine di facilitare il reperimento del finanziamento privato e, contemporaneamente, di tutelare l’interesse pubblico al completamento di un’opera ormai a un punto di realizzazione di non ritorno.

Maggior equilibrio nell’allocazione dei rischi

La modifica alla concessione introdotta dalla Regione con il TAC (Terzo Atto Convenzionale) viene letta da ANAC in modo nettamente positivo: secondo l’Autorità, infatti, le nuove modalità di remunerazione del concessionario introdotte contribuiscono a un più chiaro equilibrio dell’allocazione dei rischi nell’ambito del rapporto concessorio tra pubblico e privato. Inoltre, la modifica non incide sulla precedente allocazione del rischio di domanda che era e resta, ma oggi senza ambiguità, in capo al concedente pubblico.

Espropri: la procedura si è rimessa in marcia

ANAC rileva che le misure adottate col TAC sono idonee a superare i rilievi critici formulati con riferimento allo stato dei pagamenti agli espropriati. A conferma di questo, è stato comunicato che da giugno a oggi sono stati pagati circa il 45 per cento degli espropri ed entro fine anno saranno spesi ulteriori 5 milioni di euro: in cinque mesi, quindi, saranno pagati 140 dei circa 311 milioni complessivi previsti per gli espropri.

Superstrada o autostrada?

Pur avendone le caratteristiche tecniche, la Regione non ha alcuna intenzione di trasformare la superstrada Pedemontana in autostrada, al fine di aumentare il limite di velocità. In ogni caso, secondo le valutazioni tecniche a suo tempo acquisite, la differenza di velocità tra 130 e 110 km/h è sostanzialmente irrilevante ai fini delle stime del traffico del TAC sia in termini di quantità di veicoli leggeri sia in termini di tempi di percorrenza.

Pedaggi: decide la Regione

La leva tariffaria è e rimane in mano alla Regione, che non solo incasserà i pedaggi, ma ha anche il potere di fissarne la misura e rendere competitiva l’arteria, in funzione di scelte di politica della mobilità e di governo del territorio, a differenza di quanto avrebbe potuto fare il privato, interessato essenzialmente alla sua remunerazione.

Il contributo di 300 milioni

La delibera ANAC mantiene un giudizio critico sull’ulteriore contributo pubblico di 300 milioni, pur ammettendo che non è contrario alle attuali norme del Codice dei Contratti, ed è pertanto legittimo. Come riconosce la stessa Autorità, in forza della vigente convenzione, la Regione era obbligata ad assicurare il riequilibrio del PEF e poiché il concessionario lo aveva chiesto, occorreva provvedervi. La somma di 300 milioni è esigua rispetto all’esborso che avrebbe dovuto sostenere l’amministrazione qualora si fosse operato secondo le clausole originarie e comunque è poco significativa nell’equilibrio complessivo della concessione alla luce dei forti risparmi conseguiti. In linea di principio, quindi, il maggior contributo pubblico, oltre che legittimo, si può sostenere sia ammissibile nella logica della convenzione, perché non è vero che la sua previsione è dipesa solo dalla necessità di consentire il closing o di alleviare la sofferenza del privato. L’ANAC è comunque disposta a considerare “ammissibile” il contributo stesso purché sia accompagnato da adeguati obblighi imposti al concessionario per evitare che questi consegua un beneficio, consistenti nell’imporre al concessionario di affidare a gara lavori per il corrispondente ammontare. Ebbene, la Regione è già molto oltre, avendo già da tempo comunicato al concessionario che debbono essere affidati a gara tutti i lavori che esso non esegue direttamente.

Facebook Comments

You may also like

22-29 aprile: Echo meeting ed Echo Grand Prix a Treviso

Dal 22 al 29 aprile, Treviso “Città d’organi