ZTL e mobilità sostenibile: Treviso si mette in rete

ZTL e mobilità sostenibile: Treviso si mette in rete

- in Le ultime
353
0
varchiztl2-2-3
Dalla Giunta Comunale arrivano due importanti novità in fatto di viabilità e mobilità sostenibile. 
È stato infatti approvato con delibera l'Accordo di Adesione “per l'esercizio coordinato nel Veneto dei veicoli autorizzati ad accedere alle Zone a Traffico Limitato (ZTL)”. L'accordo viene sottoscritto tra la Regione Veneto ed il Comune di Treviso, che entra così a far parte del circuito “ZTL Network” in qualità di “Nodo Aggregatore”: in pratica l'Amministrazione si impegna a mettere a disposizione degli altri Enti locali la propria piattaforma informatica, per l'inserimento e la condivisione dei dati relativi alle autorizzazioni ed ai contrassegni emessi per i veicoli di alcune categorie di utenti come, tra gli altri, le persone disabili munite di specifico contrassegno o chi svolge servizi di trasporto non di linea taxi.
Lo ZTL network è dunque uno strumento di coordinamento tra gli Enti locali, che consente una notevole semplificazione dei permessi per gli utenti e dei controlli per gli uffici comunali: vengono condivisi i soli dati relativi al tipo di autorizzazione concessa, associata alla targa del veicolo e al Comune che ha rilasciato l'autorizzazione stessa. In questo modo gli utenti non dovranno più richiedere permessi o deroghe particolari ogni volta che circolano o sostano in ZTL venete, ma sarà sufficiente richiedere l'autorizzazione una sola volta e poi potranno transitare in tutte le ZTL della Regione.
Contestualmente, il Comune di Treviso entra a far parte di un altro circuito: grazie al lavoro dell'ufficio Europa, l'Amministrazione aderisce al progetto LIFE ASPIRE (Forum delle città e  e dei portatori di interesse), una rete di Enti e Città europee (Lucca, Zara, Stoccolma) impegnati nella ricerca di soluzioni innovative per la mobilità sostenibile. In pratica le amministrazioni coinvolte nel progetto si impegnano a scambiarsi conoscenze e buone prassi riguardanti in particolare le operazioni di carico e scarico nelle ZTL, monitorandone tempi di permanenza ed impatto ambientale, certificando gli operatori più virtuosi e promuovendo, dove possibile, alternative sostenibili come l'utilizzo di cargo bike all'interno dei centri storici.

Facebook Comments

Leggi anche

Collegamenti comprensori sciistici, Caner “Diamo un futuro alla montagna”

“Parlando di montagna, l’immagine che mi sento di