Servizi alberghieri a prezzo contato a familiari e al personale reclutato per la stagione estiva

Servizi alberghieri a prezzo contato a familiari e al personale reclutato per la stagione estiva

- in Salute
104
0
ulss10

La novità è frutto di un accordo tra Ulss 10 e Confcommercio mandamentali di San Donà di Piave e Portogruaro. Nella sede centrale dell’Ulss 10, il direttore generale Carlo Bramezza, i presidenti di Confcommercio San Donà e Portogruaro, Angelo Faloppa e Manrico Pedrina, hanno siglato un protocollo di’intesa che permette di usufruire di uno sconto del 13% in 17 strutture ricettive che,ad oggi, hanno aderito all’iniziativa.

“In varie occasioni, durante l’estate ma non solo, abbiamo ricevuto richieste di utenti che necessitano di un alloggio per restare vicino o assistere un familiare ricoverato in ospedale, così come una parte del personale assunto per la stagione Ulss 10 Veneto Orientale estiva preferisce pernottare in strutture dell’entroterraha spiegato il direttore generale Bramezza - . Con questo protocollo d’intesa, a cui ha subito aderito Confrommerci,o che ringrazio, diamo una risposta concreta, oltre che un aiuto economico, a queste esigenze”.
I destinatari dell’agevolazione sono utenti, congiunti, familiari e più in generale soggetti preposti all’assistenza di ricoverati nei presidi ospedalieri di San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo; personale assunto dall’Ulss 10 per l’espletamento delle attività legate alla stagione turistica. Per accedere allo sconto Il destinatario deve chiedere l’apposito coupon all’ufficio di accettazione ospedaliera il quale, accertate le condizioni per poter usufruire dell’agevolazione, fornirà anche la lista aggiornata degli alberghi convenzionati. A questo punto il destinatario potrà effettuare la prenotazione diretta. La tariffa agevolata sarà possibile ad un numero massimo di 3 persone per coupon. Per informazioni telefonare all’URP.

Comunicato da ULSS10 Veneto Orientale

Facebook Comments

You may also like

Social Tg+ 21 dicembre ed. mattino

Cronaca. Officina abusiva gestita da nigeriani a Quinto.